Come Scrivere Contenuti per il Web che Rankano #1 su Google

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

Quick links

In questo articolo vedremo Come Scrivere Contenuti per il Web nel 2020, come migliorare la SEO (il posizionamento sui motori di ricerca), come trovare le parole chiave giuste e come scrivere contenuti straordinari che generino empatia.

Hai mai guardarto quali siti web rankano in prima pagina su Google?

Facci caso, hanno tutti alcune caratteristiche in comune.

Analizzo da anni il funzionamento della SEO e il posizionamento sui motori di ricerca dei siti internet.

In questo post ti dirò esattamente tutto ciò che ho imparato riguardo alla scrittura di contenuti che rankano in prima pagina su Google e che vendono spontaneamente condivisi sui social network.

Replico queste tattiche da anni sui miei business e quelli dei miei clienti ottenendo sempre risultati straordinari.

Quindi presta molta attenzione a allaccia le cinture 🙂

Oggi ti dirò l’esatto processo step-by-step che dovrai seguire per scrivere contenuti che rankano in prima pagina su Google.

Mi chiamo Susanna Rosa e nel 2020 ho deciso di mettere la mia esperienza nel digital marketing a disposizione di tutti per permettere una sana e reciproca crescita online.

Non puoi immaginare quante volte mi sia stato chiesto.

“Come posso portare più traffico al mio sito web?”
o
“Come posso creare un blog che si posiziona bene su google”?

Ok, oggi risponderò a queste domande condividendo con te il risultato di anni di esperimenti.

Questa è una guida step-by-step dove imparerai come scrivere un articolo che si posiziona in prima pagina su google, quindi tieniti forte.

Step 1, conosci il tuo pubblico.

Questo è uno degli step più importanti perchè se stai scrivendo per le persone sbagliate, non importa dove ti posizioni, quel traffico non si trasformerà mai in profitto, perderai solo tempo e soldi a produrre quel conenuto.

Prima di iniziare a scrivere devi assolutamente conoscere e capire le persone a cui ti stai rivolgendo, cosa le motiva e cosa apporta reale valore alle loro vite.

Internet è già strapieno di contenuti tutti uguali.

Devi quindi concentrarti a produrre contenuti unici, differenziarti, per essere in grado di scavalcare tutti i tuoi competitor e posizionarti del mercato come la scelta migliore.

Quindi per prima cosa, vai su Ubersuggest e inserisci le paole chiave per le quali vorresti rankare.

Questo sito produrrà per te grafici e statistiche riguardanti la tua parola chiave, volume di ricerca, difficoltà nel posizionamento sui motori di ricerca e altre statistiche riguardanti google ads.

come scrivere contenuti per il web grafico

 

Ti mostrerà la tipologia di utenti e quanti cliccano sui contenuti organici, quanti cliccano sui risultati sponsorizzati, e anche la loro fascia d’età.

 

Ti mostrerà poi dei suggerimenti sulle keyword mostrando in una tabella il volume di ricerca e nella colonna finale “SD” la SEO Difficult, ovvero la difficoltà di indicizzazione per quella specifica parola chiave.

Infine, ti mostrerà un grafico dei contenuti attualmente posizionati per quella parola chiave e che tipo di risultati ottengono in termini di volume di traffico, backlink e condivisioni.

 

In questo caso io ho fatto questo test con la parola chiave “ottimizzazione seo”, ma tu puoi provare e sperimentare tutte le parole chiave inerenti al tuo specifico business.

Se vuoi provarlo subito questo è il link per accedere a questo tool, non è un link affiliato e non ci guadagno nulla a condividerlo con te 🙂  –> https://neilpatel.com/it/

Fare questi test ti permetterà di avere un’idea chiara di quali parole chiave scegliere per capire come scrivere contenuti per il web che rankano in prima pagina su Google e ottimizzare il contenuto che intendi scrivere in chiave SEO.

Ah dimenticavo, questo strumento è completamente gratis.

(se non lo sapessi sono un’amante dell’ottimizzazione del budget e mi piace “risparmiare” quando possibile, infatti come noterai, tratto molto spesso di risorse maledettamente utili, ma soprattutto gratis. Se vuoi rimanere sempre aggiornato sugli articoli che scrivo lascia la tua email qui sotto e ti aggiornerò ogni volta che pubblico un contenuto che reputo di estremo valore)

 

Step 2, comprendi le dinamiche SEO on-page degli articoli

Per strutturare il tuo contenuto ed ottimizzarlo nei vari aspetti che interessano la SEO, devi conoscere il processo per farlo.

Ottimizzare il tuo blog a livello seo per le keywords è una cosa di fondamentale importanza, ma ci sono molti altri fattori che influenzano il posizionamento dei tuoi contenuti e che possono aiutarti a rankare #1 su Google.

Se usi WordPress, un plugin che devi assolutamente usare è Rank Math, il miglior plugin per la SEO in circolazione (lascia perdere il caro buon vecchio Yoast SEO, per lui è l’ora di deporre le armi).

Ho da poco scoperto Rank Math e potuto apprezzare come sia più performante e curato nei dettagli.

Inoltre è molto semplice da usare e è particolarmente adatto anche se sei agli inizi.

E anche qui il bello sai qual’è?

È gratis anche questo!

Mi ringrazierai un’altra volta. 🙂

Questo il link per scaricarlo (anche in questo caso non è un link affiliato e non ci guadagno niente a parlartene bene, viva la sincerità!) –> https://rankmath.com/

Poi chiaramente se hai un po’ più di budget e bisogni specifici la loro versione a pagamento è davvero il top, ma se non sei l’iron man della seo, la versione free contiene molte delle funzioni che su Yoast SEO sono solo nella versione premium.

Dunque scaricalo e divertiti! (se usi già Yoast SEO, Rank Math permette l’importazione di tutte le impostazioni attuali all’interno del suo ecosistema, quindi il cambiamento sarà semplice ed indolore).

Analisi SEO

Bene, ora che hai installato il plugin che ti aiuterà su come scrivere contenuti per il web in modo che siano corretti dal punto di vista della seo, ti consiglio di tornare un attimo su Ubersuggest e far analizzare (gratis) il tuo sito.

Infatti un’altra cosa che puoi fare su Ubersuggest è inserire la URL del tuo sito e farlo analizzare, cliccare sul “Audit del sito” in basso nel menu laterale, e questo ti mostrerà tutti gli errori SEO sulle tue pagine, in modo che puoi intervenire e sistemarle.

Vedrai un grafico relativo anche al tuo pagespeed come quello qui sotto (per i test sulla velocità del sito ti consiglio anche Pagespeed di Google, pingdom, GTmetrix. Fai test con tutti e 3 questi tool e confronta i risultati!)

Ed infine ti verranno mostrati i top errori seo da correggere assolutamente:

I risultati del report verrano organizzati in ordine di priorità, in alto troverai gli elementi che hanno maggiore impatto sul tuo traffico e gli elementi più in basso quelli che hanno meno impatto e che sono quindi meno importanti per assicurarti traffico costante.

 

Step 3, scrivi articoli che forniscano un valore pratico al tuo pubblico.

I lettori non vogliono leggere articoli generici, vogliono qualcosa che valga la pena leggere.

Qualcosa che possano mettere in pratica subito dopo aver finito di leggere il tuo articolo e che gli faccia dire:

“Ok, ora prendo e vado a farlo subito”.

Questo è un’esempo della sensazione che dovrebbe scaturire dopo la lettura di un articolo fatto bene.

Devi guardare alle domande che la maggior parte delle persone cercano e puntare a quelle.

Se riesci a scrivere contenuti per il web di qualità e riesci a dare del valore tangibile, immediato, che soddifa un bisogno o risolve un problema in modo semplice e veloce, beh, sei a cavallo!

Il segreto è dare alla gente quello che cerca, e farlo bene!

Per sapere cosa la gente cerca su google un tool STRAFIGO e molto utile che io utilizzo spesso è AnswerThePublic.

Praticamente ti permette di inserire la tua parola chiave, e ti crea dei report visuali che ti possono aiutare nel sapere cosa la gente cerca su google, ma soprattutto, in che modo la cerca.

Qui sotto un’esempio di “report visuale” generato con AnswerThePublic:

Step 4, usa il metodo AIDA.

Il tuo lavoro è principalmente quello di scrivere qualcosa di accattivamente nel titolo, che catturi le persone a le faccia cliccare sul tuo contenuto.

Ricorda, il titolo (la headline) è la parte più importante del tuo contenuto.

Pensa che il 73% delle decisioni di acquisto partono esattamente dal momento in cui il tuoi lettori entrano in contatto con il tuo titolo.

Le statistiche dicono che se 8 persone su 10 leggeranno il tuo titolo, solo 2 su 10 cliccheranno sul link e leggeranno il resto.

Quindi comprendi l’importanza della headline (il titolo del tuo contenuto per il web) e assicurati di concentrare il tuo focus sul tuo titolo.

Lo scopo della headline è di scaturire attenzione, curiosità ed interesse.

È importante perché mantiene i lettori sulla tua pagina e possibilmente su altre pagine del tuo sito web.

Cerca poi di esternare tutto ciò che prometti nel titolo all’interno del testo del tuo articolo.

Per quanto riguarda il desiderio, il modo migliore per scaturire un forte desiderio riguardo al contenuto del tuo post, è quello utilizzare i punti elenco.

 

Non troppi punti elenco, ma quanto basta per sviluppare il desiderio.

Inoltre tieni a mente il fattore “decision fatigue”.

Gli studi dimostrano che le persone hanno meno difficoltà nel prendere una decisione quando le scelte sono limitate.

Lascia che ti spieghi..

Se avessi bisogno di acquistare una maglia nera, e andassi in un negozio fisico, la tua facilità di scelta sarebbe maggiore se le magie nere da scegliere fossero 10, o ad esempio solo 2?

Tienilo a mente anche con i tuoi lettori.

La semplicità è quasi sempre la chiave per arrivare dove si vuole.

Riguardo a come scrivere contenuti per il web, ti segnalo anche il metodo AIDA.

Che è un acronimo che stà per:

Awareness –> Consapevolezza
Interest –> Interesse
Desire –> Desiderio
Action –> Azione

Questo metodo è molto usato anche nelle pagine di vendita o sales letter (se conosci il funnel marketing sai di cosa sto parlando).

In pratica il metodo AIDA consiste nel dare un’ordine ai tuoi contenuti in modo da scaturire nel nostro pubblico una serie di sensazioni ed emozioni crescenti, per poi farli arrivare alla fine dell’articolo, suggerendogli il compimento di un’azione specifica.

Un esempio potrebbe essere:

  1. anche a te il bucato non viene perfetto come vorresti e i capi rimangono macchiati?
  2. una ricerca americana ha trovato un nuovo componente proattivo per la rimozione efficace anche delle macchie più difficili
  3. è appena approdato nel regno unito e stà già avendo un successo clamoroso facendo rischiare il fallimento a grosse multinazionali
  4. se desideri provarlo e ottenere un campione gratuito clicca qui

Lo so, è un’esempio del cavolo, ma più o meno il metodo AIDA funziona così, e se viene utilizzato con successo da quasi 100 anni, un motivo ci sarà. 🙂

Sul metodo AIDA ti segnalo questo libro di Angelo Bandiziol –> https://amzn.to/2vsGjKE

 

Step 5, Come Scrivere Contenuti Straordinari nel 2020

Ebbene, a livello di content marketing e inbound marketing quello che funziona oggi è molto cambiato da quello che funzionava ieri.

Oggi un contenuto per avere estremo successo deve avere caratteristiche ben precise.

Non stò parlando di SEO, quella l’abbiamo già affrontata.

Stò perlando di Empatia.

Della capacità di coinvolgere il lettore in modo profondo e volontario.

Per sviluppare empatia ed avere successo, un contenuto deve necessariamente avere queste caratteristiche fondamentali:

  • Motivazione/Ispirazione
  • Intrattenimento/Piacevolezza
  • Utilità/Informazione

I veri contenuti di successo sono composti dall’armonia e dal susseguirsi di questi 3 elementi, che fanno sì di tenere il nostro lettore incollato al nostro articolo.

Ma non solo, se impariamo a scrivere contenuti in ottica copywriting, se diventiamo abbastanza bravi, potremo puntare all’effetto palla di neve.

Cosa significa?

Ti è mai successo di vedere un video su youtube o di leggere un articolo, dove quando arrivi alla fine..

Ne vuoi di più?

Ne leggi un altro, ed un’altro ancora.

Guardi video uno dopo l’altro.

Quello è l’effetto palla di neve.

Per ottenere questo effetto sui nostri lettori dobbiamo affinare la nostra bravura con il copywriting e mixare sapientemente i 3 elementi di cui parlavamo poco fa.

Conclusione

Abbiamo parlato di SEO, di scelta delle keywords, di analisi e ottimizzazione del sito, degli elementi più significativi che devono caratterizzare il nostro contenuto lato SEO e lato copywriting. del metodo AIDA e dei 3 elementi che caratterizzano un contenuto di estremo successo.

Adesso stà a te mettere darci dentro in pratica tutto, fallo subito!

Se questo contenuto ti è piaciuto condividilo sui social e se hai voglia taggami in una story su Instagram, il mio nick è @susannarosa_

Grazie per avermi dedicato un pezzetto del tuo tempo.

Un abbraccio,

Susy

non hai trovato quello che stavi cercando?

fammi sapere quale problema devi risolere, se posso, ti aiuterò.

gratis.